Quale risposta dareste se vi venisse chiesto di dare una definizione di “salute”?
Per l’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) la salute non vuol dire solo assenza di malattia ma uno stato di completo benessere psichico, fisico e sociale.
La salute, dunque, è un bene preziosissimo che bisogna imparare a conservare in ogni fase della vita.
Un valido aiuto in questo senso viene sicuramente offerto dalla Medicina Preventiva. Prevenire infatti vuol dire adottare una serie di comportamenti che hanno lo scopo di evitare la insorgenza di malattie. Di tutto ciò, lo scorso novembre, hanno parlato a Roma rappresentanti della sanità e delle istituzioni riuniti per un primo bilancio sul progetto “Scuola e Salute”. Nel corso dei lavori sono state anche proposte nuove e più efficaci iniziative per diffondere la cultura delle abitudini sane. È venuto fuori che nel nostro Paese e in Europa una enorme percentuale di malattie è provocata da: fumo di tabacco, abuso di alcol, sovrappeso, obesità e vita sedentaria cioè dai cosiddetti fattori di RISCHIO modificabili, come più volte sottolineato in questa rubrica. Per contrastarli, hanno spiegato gli esperti, è fondamentale “educare” le nostre abitudini sin da piccoli. Ad esempio consumare verdura e frutta durante i pasti, per gli spuntini e anche a colazione, al posto di alimenti ricchi di zuccheri e calorie, è una buona abitudine alimentare. Muoversi il più possibile a piedi non è soltanto divertente ma è anche salutare.