Il nostro corpo possiede un formidabile sistema per difendersi dalle aggressioni dei suoi nemici. Alcuni di questi si chiamano batteri, altri virus e poi ci sono i funghi, le tossine, insomma l’elenco è lungo. Quell’implacabile detective a cui nulla sfugge ha un nome: sistema immunitario. Quando incontra il suo avversario non si limita ad annientarlo affinché non riesca a causare la malattia ma, dopo lo scampato pericolo, non si dimentica di lui e, se lo incontrerà di nuovo, sarà pronto a reagire più in fretta.
In alcuni bambini e adulti, però, il sistema immunitario ha una reazione di difesa eccessiva, chiamata allergia, nei confronti di una serie di sostanze, gli allergeni, perché le considera pericolose. Gli allergeni più conosciuti sono senza dubbio i pollini dei fiori che, soprattutto nel periodo primaverile, sono presenti in grandi quantità nell’aria che respiriamo. Le conseguenze, per chi soffre di allergia, possono essere: raffiche di starnuti, occhi che lacrimano, un fastidioso prurito al naso… ma anche una malattia chiamata asma.
Altri allergizzanti sono il fumo di sigaretta, le sostanze che inquinano l’aria, la saliva di animali come il cane e il gatto e la polvere perché in essa è presente un animaletto invisibile a occhio nudo, bruttissimo e pieno di zampette se osservato al microscopio; si chiama acaro. Anche alcuni alimenti, come il latte, le uova, le noci, le arachidi, le fragole, il cioccolato possono scatenare reazioni a livello della pelle o dell’intestino in chi è allergico.
In tutti questi casi, è importante evitare il contatto con gli allergeni e curarsi con i farmaci adatti.